spot_imgspot_img
spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Alla scoperta Costa degli Etruschi: tra archeologia, bellezze paesaggistiche, relax e buon cibo

Da Livorno a Piombino si adagia la Costa degli Etruschi, una terra che sin dall’antichità ha attratto per le sue meraviglie: qui, soprattutto con l’arrivo della Primavera, sono tanti gli spunti di visita adatti a grandi e piccoli.

Castagneto Carducci, Piombino, Cecina, Bibbona e altre località più interne come Sassetta, Suvereto o Campiglia Marittima sono alcune delle destinazioni che rendono unica e spettacolare la Costa degli Etruschi, quell’ampio tratto della costa toscana che si estende da Livorno a Piombino. Non è un caso che gli Etruschi abbiamo scelto questi luoghi per stanziarsi a partire dal IX secolo a.C., come dimostrano i diversi insediamenti che ancora oggi sono visibili. È un territorio capace di incantare qualsiasi turista grazie ai tantissimi spunti di visita che offre, dalla gastronomia all’archeologia, dal trekking al relax balneare, dai borghi sospesi nel tempo alle escursioni adatte a tutta la famiglia. Il tutto avvolto da una tale bellezza paesaggistica da togliere il fiato, grazie alla natura selvaggia che sprigiona profumi, colori e sfumature degne della tavolozza di un pittore ed offre alla vista insenature, scorci e vedute che rigenerano l’anima.

il territorio è un susseguirsi di attrattive uniche che rendono questa terra cosi viva, genuina, selvaggia ed energica da lasciarci il cuore, ma durante la stagione primaverile è capace di offrire emozioni ancora più intense. Tra le bellezze da non perdere spicca il borgo di Bolgheri, nel comune di Castagneto Carducci , ricco di storia, tradizioni, antiche botteghe artigiane e prodotti tipici famosi nel mondo, come i vini Sassicaia e Ornellaia . A Castagneto Carducci la fioritura primaverile dipinge un’esplosione di natura senza eguali grazie anche alla posizione di questo piccolo comune, adagiato com’è su una collina verdeggiante che domina dall’alto il mare. Qui Giosuè Carducci visse il periodo della sua infanzia e gli scenari mozzafiato hanno ispirato gran parte della sua letteratura: i celebri cipressi verdi e rigogliosi che il poeta ammirava durante le sue passeggiate nella natura sono tutt’oggi visibili e fanno parte di una riserva faunistica protetta.

E come la bella stagione chiama, gli amanti delle attività outdoor rispondono : ecco allora quale migliore occasione per ammirare le tante meraviglie del territorio che organizzare gite in bicicletta lungo le strade sinuose circondate dagli splendidi vigneti e uliveti, ma anche per fare passeggiate lungo le spiagge o negli avvolgenti “Parchi della Val di Cornia“: in questo circuito che comprende parchi naturali, archeologici e minerari viene raccontata la storia di questa terra e delle sue origini che affondano le radici in tempi antichi. Il Parco Costiero della Sterpaia , ad esempio, è immerso in un ambiente incantato dove il bosco di querce centenarie porta a scoprire, al di là delle dune, la bellezza del mare dall’acqua cristallina che bagna una spiaggia di sabbia chiara e finissima delimitata da un’ombrosa pineta. Siamo in quel tratto di costa compreso tra Piombino e Follonica dove si possono scoprire diverse torri affacciate all’orizzonte tra cui Torre Mozza, Torre del Sale, Carbonifera.

Se poi è la passione per l’archeologia ad ispirare un’escursione allora i resti dell’acropoli e delle necropoli etrusche del Parco Archeologico di Populonia e Baratti, inseriti in un contesto naturale unico, sapranno accontentare anche il visitatore più esigente. I bambini, invece, possono trovare nel Parco Archeominerario di San Silvestro un ottimo modo per unire il divertimento alla visita dell’antica miniera a bordo del trenino. Si tratta infatti di un luogo magico, fuori dal tempo, capace di far comprendere al meglio la natura, la storia e l’archeologia toscana.

Con un percorso suddiviso in due parti: la prima all’interno della Miniera di Temperino e al Museo di Minatori, la seconda con il trenino minerario lungo i luoghi di estrazione e lungo gli impianti di trattamento della Valle dei Lanzi fino ai resti del borgo medievale di Rocca San Silvestro (da raggiungere a piedi). Tutto qui è sospeso nel tempo e ci si immerge completamente nelle emozioni del passato. Altro gioiello da non perdere, alla scoperta dell’entroterra, è il paese di Suvereto , circondato da boschi di sughero, olivi e vigneti che, durante la fioritura, avvolgono il visitatore con gli intensi profumi e colori. Quando, con la primavera, si respira un’energia vitale tutta nuova capace di risvegliare anche gli animi più pigri, la Costa degli Etruschi è una destinazione da visitare con calma per assaporare tutto il meglio che può offrire.

LEGGI ANCHE: Un weekend madre e figlia lungo la costa toscana per celebrare in modo originale la Festa delle Donne

Un indirizzo di soggiorno consigliato è il Park Hotel Marinetta, che riapre le porte del suo resort il 22 marzo. Punto di partenza perfetto per andare alla scoperta del territorio circostante, si affaccia sul mare di Marina di Bibbona ed è pronto ad accogliere i suoi ospiti tra le meraviglie del parco di pini marittimi di 3 ettari con accesso riservato alla pineta centenaria, scenario incantevole per entusiasmanti passeggiate. La struttura offre un  Pacchetto Spring Opening Deal che include : pernottamento, Prosecco in camera all’arrivo, Welcome drink all’Hendrick’s Bar, soft drinks dal minibar in camera, servizi biking, punto lavaggio e piccola officina più il noleggio bici.

Park Hotel Marinetta

Il Park Hotel Marinetta si affaccia sul mare toscano di Marina di Bibbona nella splendida Costa degli Etruschi, un susseguirsi di spiagge incontaminate, oasi protette e antiche città medievali. Il resort offre una vasta scelta di camere e suite con vista mare, ma anche villette indipendenti circondate dal verde in cui gli ospiti potranno soggiornare, vivendo un’esperienza sensoriale unica e irripetibile. Il punto di partenza perfetto per partire alla scoperta della costa e delle colline toscane in mountain bike o a cavallo, provando a fare diving o passeggiando nei luoghi cari al poeta Giosuè Carducci.

A soli 100 metri dalla struttura, al di là della pineta, si trova la bellissima spiaggia privata e attrezzata con lettini e ombrelloni con annesso bar: un gioiello incastonato nel verde della macchia mediterranea, premiato con la Bandiera Blu della Comunità Europea. Il relax continua all’interno della nuova Spa Marinetta Wellnessil centro benessere all’interno dell’hotel dotato di una piscina idromassaggio riscaldata, biosauna, calidarium, tepidarium, docce cromo-aromatiche e un’ampia scelta di massaggi rigeneranti e trattamenti di bellezza. Inoltre gli ospiti potranno concedersi una pausa in una delle due piscine situate nel parco di fronte all’hotel, una delle quali è pensata per i più piccoli che potranno divertirsi anche nell’area giochi e nel miniclub.

L’esperienza alla scoperta della natura e delle bellezze della Toscana che offre il Park Hotel Marinetta non può che includere anche un innovativo viaggio fra i sapori: gli ospiti potranno gustare piatti gourmet a colazione, pranzo o cena in uno dei tre ristoranti dell’hotel (Ombra della Sera, Anfora di Baratti, Granace) dove assaporare la magica combinazione di prodotti a Km zero, cucinati dagli chef secondo la tradizione toscana, rivisitata con un pizzico di creatività. Completano l’offerta un cafè e un cocktail bar che ogni sera organizza eventi musicali per un soggiorno piacevole, rilassante, ma anche indimenticabile.

Condividi

spot_imgspot_img

Articoli correlati

Naturalis Bio Resort, una masseria luxury in Salento per un weekend di puro benessere

Un antico borgo contadino nel Salento a mezz’ora da...

Un viaggio nel passato e nel presente artistico di Firenze: la straordinaria storia del complesso de Le Murate

Immerso nella storia antica di Firenze, il complesso de...

Irlanda: 10 eventi da non perdere lungo la costa ovest da maggio a novembre

La Wild Atlantic Way festeggia la sua prima decade...

Location suggestive e attività di gruppo: il Ticino è la meta perfetta per gli eventi aziendali

Nell'era della digitalizzazione e in particolare a seguito di...