spot_imgspot_img
spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Il Grande Nord conquista i viaggiatori italiani

Il Nordic Workshop di Milano ha visto il ritorno di una rappresentanza di operatori del Nord tra cui la Svezia, dopo anni di assenza.

L’obiettivo è rilanciare l’offerta del Paese ben oltre i confini di Stoccolma, senza però entrare in competizione diretta con Danimarca, Finlandia, Norvegia e Islanda. La chiave di volta è una “visione condivisa di uno sviluppo turistico sostenibile“, come spiega Karin Melin, marketing consulting Gateway South e storica rappresentante di VisitSweden in Italia. Questa visione invita a distribuire i flussi turistici nelle aree meno note del Grande Nord, che pur offrono caratteristiche simili ai centri di grande attrazione. Un esempio lampante di questo nuovo approccio collaborativo è la Lapponia, territorio condiviso da più nazioni.

I numeri del turismo scandinavo sono in costante crescita:

  • Oltre 287mila pernottamenti italiani in Svezia nel 2023 (+31,6%), con un +30% solo a Stoccolma e record sul 2019.
  • 192.500 in Finlandia (+20% sul 2022 e +7% sul 2019).
  • 245mila in Norvegia (-2%, ma dovuto solo a parametri statistici più restrittivi).
  • 409mila in Danimarca (+22%, con un +8% sulle aree extra Copenhagen).
  • 8mila in Islanda (+29%).

Giulia Ciceri, marketing&press coordinator VisitDenmark in Italia, evidenzia come i voli diretti siano il principale motore di successo delle destinazioni-target, come nel caso di Billund. Tuttavia, si rileva una crescente tendenza a distribuirsi sui territori limitrofi per evitare concentrazioni e godere di soggiorni più lunghi. I turisti sono alla ricerca di habitat climaticamente più vivibili in primavera-estate, o culturalmente vivaci in autunno-inverno, e fanno sempre più uso dei trasporti pubblici.

LEGGI ANCHE: Il Centro Sud Italia, la nuova frontiera del turismo italiano

Il Grande Nord si presenta quindi come una destinazione ricca di fascino e di opportunità per tutti i tipi di viaggiatori, dagli amanti della natura agli appassionati di cultura. L’approccio collaborativo tra le diverse nazioni scandinave permetterà di sviluppare un turismo sostenibile e di far scoprire ai visitatori le bellezze di questa regione unica al mondo.

Condividi

spot_imgspot_img

Articoli correlati

Naturalis Bio Resort, una masseria luxury in Salento per un weekend di puro benessere

Un antico borgo contadino nel Salento a mezz’ora da...

Un viaggio nel passato e nel presente artistico di Firenze: la straordinaria storia del complesso de Le Murate

Immerso nella storia antica di Firenze, il complesso de...

Irlanda: 10 eventi da non perdere lungo la costa ovest da maggio a novembre

La Wild Atlantic Way festeggia la sua prima decade...

Location suggestive e attività di gruppo: il Ticino è la meta perfetta per gli eventi aziendali

Nell'era della digitalizzazione e in particolare a seguito di...