spot_imgspot_img
spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Il modello Bagheria protagonista alla Fiera Internazionale TTG – Travel Experience di Rimini

Durante la Fiera Internazionale TTG – Travel Experience di Rimini, manifestazione italiana dedicata alla promozione del turismo internazionale in Italia e per la commercializzazione dell’offerta turistica nel mondo, si sono evidenziate anche le potenzialità turistiche del Comune di Bagheria che negli ultimi anni si è imposto come una delle realtà più emergenti nel panorama turistico siciliano.

“Bagheria Città del Gusto”, più che un appellativo è un brand e allo stesso tempo la sintesi di una strategia di sviluppo locale promossa e portata avanti dal 2017 dall’Associazione “La Piana D’oro” che ha organizzato eventi di successo come il Verdello Fest, Sfincione Fest, Beer & Pork, Buccellato Fest e infine Bio in Sicily, la cui terza edizione si svolgerà il 28 e 29 Ottobre a Villa Palagonia.

Di questo si è dibattuto nel talk condotto dalla giornalista Stefania Renda alla TTG – Travel Experience di Rimini, nell’area espositiva “The Best of Western Sicily”, organizzata dalla Feedback, dal titolo “Bagheria, Città delle Ville e del Gusto: realtà emergente in Sicilia del turismo enogastronomico e culturale”.

A rappresentare questo processo di evoluzione e di successo del territorio è stato il nostro Direttore Michele Balistreri e Presidente dell’Associazione La Piana d’oro insieme al nostro Editore Adalberto Catanzaro, esperto di comunicazione Food&Wine e Fiduciario della Condotta Slow Food di Bagheria.

LEGGI ANCHE: Bagheria: la città siciliana più rappresentata nella guida 50 Top Italy

Storia, cultura, tradizione e un grande patrimonio immateriale per la cittadina alle porte di Palermo impegnata ad implementare un’offerta turistica integrata in grado di fornire alla nuova tipologia di turista- viaggiatore un’esperienza unica, improntata alla visita di un patrimonio architettonico, storico e culturale rappresentato dalle Ville del Settecento, a cui si aggiungono beni paesaggistici e naturalistici unici come l’Arco Azzurro, la Baia dei Francesi, Capo Zafferano, il borgo marinaro di Aspra e Monte Catalfano.

“Il vero valore aggiunto dell’offerta turistica bagherese e del suo comprensorio – come hanno sottolineato Catanzaro e Balistreri- è data dalla sua enogastronomia e dei suoi prodotti tipici che possono contare sullo sfincione Bianco vero ambasciatore della tradizione culinaria della Città, sul limone verdello, sull’acciuga di Aspra e l’estratto di pomodoro e soprattutto su un movimento legato alla ristorazione, al mondo dei lievitati e delle pizzerie di assoluto valore.”

Nell’area espositiva “The Best of Western Sicily” (padiglione A3 – stand 141-177) sono stati ospitati anche altri incontri nell’ambito dei quali ogni partner del progetto ha presentato le proprie iniziative agli operatori e alla stampa.

Oltre Bagheria tra i comuni coinvolti anche Castellammare del Golfo, Favignana e le isole Egadi, Mazara del Vallo, Pantelleria, Partanna, Salemi e San Vito Lo Capo insieme a Liberty Lines, l’Agenzia Kukla viaggi e il Progetto SCUSI – Smart Culture in Sicily.

Condividi

spot_imgspot_img

Articoli correlati

Naturalis Bio Resort, una masseria luxury in Salento per un weekend di puro benessere

Un antico borgo contadino nel Salento a mezz’ora da...

Un viaggio nel passato e nel presente artistico di Firenze: la straordinaria storia del complesso de Le Murate

Immerso nella storia antica di Firenze, il complesso de...

Irlanda: 10 eventi da non perdere lungo la costa ovest da maggio a novembre

La Wild Atlantic Way festeggia la sua prima decade...

Location suggestive e attività di gruppo: il Ticino è la meta perfetta per gli eventi aziendali

Nell'era della digitalizzazione e in particolare a seguito di...