spot_imgspot_img
spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Roma Imperiale, un tuffo nel passato con il Parco Archeologico del Celio. Ecco dove alloggiare

Ha aperto al pubblico il Parco Archeologico del Celio, un gioiello storico ricco di tesori antichi dal valore inestimabile.

Roma è in continuo fermento, non finisce mai di sorprendere cittadini e visitatori provenienti da tutto il mondo con nuove aperture ed iniziative: di recente è stato aperto al pubblico il Parco Archeologico del Celio e il Museo della Forma Urbis, uno straordinario allestimento che valorizza la “mappa marmorea” di Roma, realizzata al tempo di Settimo Severo. Il parco occupa il settore settentrionale del colle ed è rivolto verso il Colosseo; per raggiungerlo e immergersi in un’atmosfera unica al mondo è ideale soggiornare al Borghese Contemporary Hotel, struttura del gruppo Mascagni Collection, affiliata a Space Hotels e ubicata nel cuore pulsante della Capitale.

Maestosa, sorprendente e affascinante, Roma ha da sempre incantato ed ispirato milioni di turisti con il suo straordinario patrimonio artistico e culturale. La magnificenza della Città Eterna non si limita solo alla sua meravigliosa architettura e alle sue opere d’arte senza tempo ma anche al suo spirito vibrante che si respira tra i vicoli. Roma è una città autentica e dalle mille contraddizioni, abbraccia il sacro ma anche il profano, accoglie il moderno ma anche l’antico, ospita infinite oasi verdi creando un’armonia unica al mondo. Di recente il cuore della Capitale si è arricchito di un nuovo tesoro storico: tra le suggestive vie del quartiere Celio e il celebre Colosseo ha riaperto al pubblico, dopo più di 100 anni, il Parco Archeologico del Celio e il nuovo Museo della Forma Urbis.

Il parco rappresenta una vasta zona preziosa che ospita un patrimonio straordinario di monumenti e reperti che risalgono all’epoca dell’antica Roma tra cui le fondazioni perimetrali del tempio del Divo Claudio, le rovine di antiche case patrizie, i resti di una basilica paleocristiana e i sepolcri romani. Questa zona ha vissuto diverse trasformazioni nel corso del tempo, nel cinquecento la acquistò la famiglia dei Cornovaglia trasformandola in vigna, successivamente, nell’età Napoleonica, i francesi che occupavano la città scaricarono qui l’enorme quantità di terra proveniente dagli scavi al Colosseo e al Foro romano. Nel 1835 Papa Gregorio XVI decise di trasformare il giardino che si era creato sulla grande terrazza artificiale formata dalla terra di riporto in una passeggiata aperta al pubblico. All’architetto Gaspare Salvi fu affidato il compito di sistemare e ampliare l’area, creò alcuni viali e la Casina del Salvi, un punto ristoro ispirato alla “coffee-house” del Pincio di ValadierTra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento furono realizzati altri due edifici, l’Antiquarium Comunale e l’ex Palestra della Gioventù Italiana del Littorio. Oggi, grazie agli interventi condotti sotto la direzione scientifica della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma Capitale, è stata recuperata la Casina del Salvi e l’ex Palestra della Gioventù, dove tutti i visitatori avranno la grande opportunità di fare una passeggiata nella Roma imperiale, tra una moltitudine di reperti archeologici, architettonici ed epigrafici, organizzati per nuclei tematici e provenienti dagli scavi di Roma di fine Ottocento.

Visitare il Parco del Celio significa immergersi nell’atmosfera originale ed autentica e conoscere moltissimi aspetti della vita quotidiana dell’epoca: si passa da resti che riguardano la sfera funeraria a quelli che toccano l’ambito dell’architettura e delle costruzioni, da reperti che appartengono al senso divino ad edifici pubblici e privati, un nucleo di manufatti fa riferimento alla presenza amministrativa di Roma con cippi di delimitazione dell’alveo del Tevere e delle aree di pertinenza degli acquedotti. All’interno del Parco Archeologico del Celio, nell’edificio dell’ex Palestra della Gioventù Italiana del Littorio, è stato inserito il nuovo Museo della Forma Urbis che ospita frammenti della celebre Forma Urbis Romae, la mappa marmorea originale dell’antica Roma incisa tra il 203 e il 211 d.C. sotto l’imperatore Settimio Severo. Questi reperti rappresentano una delle più rare ed importanti testimonianze dell’epoca che tutti i visitatori torneranno ad ammirare dopo più di un secolo. La meravigliosa mappa marmorea è presentata in modo da essere perfettamente leggibile ed è inserita in uno scenario mozzafiato. I lavori di riqualificazione di quest’area non sono finiti: si prevede, infatti, l’apertura dell’ex Casina del Salvi, il recupero dell’ex Antiquarium Comunale e la creazione di una Nuova Passeggiata Archeologica che collegherà il Parco del Celio con il Centro Archeologico Monumentale.

LEGGI ANCHE: Ecco in Italia i nuovi cammini religiosi

Camminando tra le rovine millenarie non si può a fare a meno di sentire un profondo senso di ammirazione per la grandezza e la magnificenza dell’Antica Roma che, in un modo o nell’altro, hanno influenzato tutta la storia del mondo occidentale. Visitare il Parco Archeologico del Celio e il nuovo Museo della Forma Urbis è molto di più di una semplice passeggiata: è un’esperienza tanto profonda quanto emozionante che può lasciare un senso di gratitudine per il passato, un apprezzamento per la bellezza dell’antichità e una maggiore consapevolezza della continuità della storia umana.

Per raggiungere il colle, l’ideale è soggiornare al Borghese Contemporary Hotel, un elegante palazzo situato nell’omonimo slargo. Alloggiare qui permette di vivere giorni da sogno, con camere e suite raffinate perfettamente inserite nel contesto romanoLe 24 spaziose e confortevoli sistemazioni raccontano la magnificenza artistica della tradizione romana con un design contemporaneo, curato nei minimi dettagli e arricchito da arredi di lusso. Gli spazi comuni riflettono l’equilibrio, l’ordine e l’eleganza che caratterizzano la Città Eterna, rendendo l’hotel un ambiente unico da vivere. La zona reception accoglie gli ospiti con un Lifestyle concierge e una libreria ricca di volumi dedicati alla storia, all’arte e all’architettura di Roma, mentre una sala polifunzionale offre flessibilità per meeting o colazioni.

Condividi

spot_imgspot_img

Articoli correlati

Naturalis Bio Resort, una masseria luxury in Salento per un weekend di puro benessere

Un antico borgo contadino nel Salento a mezz’ora da...

Un viaggio nel passato e nel presente artistico di Firenze: la straordinaria storia del complesso de Le Murate

Immerso nella storia antica di Firenze, il complesso de...

Irlanda: 10 eventi da non perdere lungo la costa ovest da maggio a novembre

La Wild Atlantic Way festeggia la sua prima decade...

Location suggestive e attività di gruppo: il Ticino è la meta perfetta per gli eventi aziendali

Nell'era della digitalizzazione e in particolare a seguito di...