spot_imgspot_img
spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Trenitalia cambia idea sulle regole relative ai bagagli

Dietrofront immediato. A poche ore dall’entrata in vigore delle nuove norme relative al trasporto dei bagagli sulle Frecce annunciata sul sito di Trenitalia, la compagnia si vede costretta a fare marcia indietro per le proteste dei consumatori e a sospendere, almeno per il momento, l’attuazione del provvedimento.

E così, sul sito di Trenitalia sono ricomparse le vecchie indicazioni, che consentono il trasporto gratuito dei bagagli “purché non rechino intralcio o danno agli altri passeggeri, non danneggino le vetture o non ostacolino le attività di servizio del personale”

LEGGI ANCHE: City Airlines: la nuova scommessa di Lufthansa

Sul sito  di trenitalia fino a ieri comparivano indicazioni differenti: sulle Frecce era previsto un limite al numero di bagagli, massimo due a passeggero. Per chi viaggia in seconda classe, e alle condizioni Standard e Premium, la somma di lunghezza, larghezza e profondità della valigia era fissata a 161 centimetri, con un vincolo in più: ognuna delle tre dimensioni doveva comunque essere inferiore o uguale a 80 centimetri. Una situazione penalizzante anche per i tanti turisti stranieri che scelgono di utilizzare il treno per gli spostamenti in Italia.

A chi invece sceglie il biglietto di prima classe, e alle condizioni Executive e Business, sarebbe stato concesso un po’ di spazio in più: la somma delle dimensioni totali del bagaglio (inclusi tasche, ruote e manici, specificava Trenitalia) fissata a 183 centimetri, con ogni dimensione massima di 120 centimetri.

Come riporta La Stampa, sarebbe stato possibile trasportare sci, carrozzine, passeggini, strumenti musicali, biciclette (tutte le tipologie, purché smontate e/o pieghevoli) e monopattini elettrici in aggiunta al numero di bagagli consentito, ma anche in questo caso con un limite di dimensione: “La somma delle dimensioni totali di sci, carrozzine, passeggini e strumenti musicali – aveva comunicato Trenitalia – non deve essere superiore a 200 centimetri (lunghezza più larghezza più profondità), e le dimensioni della sacca in cui trasportare la bicicletta o il monopattino elettrico non possono essere superiori a 80x110x45 centimetri”.
Inoltre, su ciascun bagaglio, Trenitalia invitava ad apporre un’etichetta chiara e leggibile con nominativo e contatti di riferimento.

Il mancato rispetto delle nuove regole avrebbe avuto un costo: 50 euro di multa più l’obbligo di “provvedere a cura del viaggiatore a scaricare i bagagli alla prima stazione in cui il treno effettua fermata”.

Oggi l’inversione di rotta, tanto più apprezzabile in quanto ci riallinea a quanto praticato da altri Paesi europei, che stanno adottando misure per incentivare lo spostamento su rotaia sul mercato domestico e quindi favorire soluzioni di viaggio più sostenibili sul piano delle emissioni.

Condividi

spot_imgspot_img

Articoli correlati

Naturalis Bio Resort, una masseria luxury in Salento per un weekend di puro benessere

Un antico borgo contadino nel Salento a mezz’ora da...

Un viaggio nel passato e nel presente artistico di Firenze: la straordinaria storia del complesso de Le Murate

Immerso nella storia antica di Firenze, il complesso de...

Irlanda: 10 eventi da non perdere lungo la costa ovest da maggio a novembre

La Wild Atlantic Way festeggia la sua prima decade...

Location suggestive e attività di gruppo: il Ticino è la meta perfetta per gli eventi aziendali

Nell'era della digitalizzazione e in particolare a seguito di...