spot_imgspot_img
spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Una sfida vinta a Favignana la riapertura del Resort del gruppo Mangia’s

l suggestivo villaggio Gassman divenuto in seguito Valtur e chiuso dal 2017, torna a splendere nella incantevole isola di Favignana grazie alla determinazione del gruppo Aeroviaggi.

È proprio da quest’anno che il Gruppo cambia brand e diventa Mangia’s Sea Wiew Resort and Vilas proprio a sottolineare una nuova ospitalità che renderà il primo gruppo italiano per numero di posti letto sempre più competitivo ed attento alle esigenze del mercato.

Dobbiamo dare atto a tutto il gruppo di essere riusciti in brevissimo tempo ad ottenere risultati a dir poco straordinari. Eravamo appena ai primi del mese di Marzo quando il gruppo acquisisce l’ex Valtur di Favignana, situato nell’incantevole Punta Fanfalo.

Una struttura ubicata in un luogo incantevole ma versava in uno stato di totale abbandono, il Presidente Marcello Mangia mobilita tutte le componenti aziendali dalla famiglia, ai dipendenti, alle imprese, ai fornitori, coinvolgendo anche gli amministratori locali ed in soli 80 giorni, lavorando alacremente giorno e notte, la struttura rinasce, impegnando personale giovane e motivatissimo.

Abbiamo chiesto a Tiziana Mangia, presente all’inaugurazione, le prime impressioni: “Un sogno che si avvera al quale mio Padre, fondatore dell’azienda, teneva tanto. Noi figli ci siamo impegnati affinchè si aggiungesse alla nostra collection una nuova struttura come il Favignana Resort, deputato a divenire la punta di diamante del nostro gruppo Alberghiero. Chi conosceva il vecchio Punta Fanfalo, come me, e lo rivede ora, può comprendere che miracolo abbiamo fatto riportando in vita un asset d’immenso valore per Favignana ed in generale per la Sicilia”

I giardini curati nei dettagli, i nuovi campi di padel ed un orto, fortemente voluto dallo chef Peppe Giuffrè che firmerà la ristorazione premium, fanno la differenza già al primo impatto.

Marcello Mangia, Presidente di Aeroviaggi e Mangia’s Resorts

LEGGI: Riapre alle isole Egadi il più suggestivo villaggio turistico della Sicilia

Il salto di qualità è evidente ad appena due mesi dall’apertura. Le camere sono state arricchite con specchi e luci, il verde è diventato lussureggiante, ed è oggettivamente suggestivo consumare il pranzo e la cena vicino al mare, con una incantevole vista mare sulla vicina Marettimo, mentre nelle giornate più limpide si scorge Pantelleria.L’aperitivo, aperto a tutti, viene servito sulla suggestiva scogliera, accompagnato dal suono di una chitarra

A fine luglio è stato anche aperto il ristorante “Donna Floriana”, in onore della moglie del compianto Antonio Mangia recentemente scomparso, con il menù curato da Peppe Giuffré ed ispirato alla tradizione Favignanese/Trapanese, proposto come “ Taste experience“ al prezzo di € 50 bevande escluse, ed aperto al pubblico che prevede piatti come Salamureci con tunnina, Frascatola con la ghiotta, Ravioli con ricotta e brodo di pesce, Cous cous d’agnello, Granita al basilico e Cubbaita Ghiaccita.

La location è mozzafiato: una pedana montata a due passi dal mare da cui si vede il sole tramontare, tavoli apparecchiati con raffinata semplicità, decorazione con le profumate piante dell’orto e le immancabili pale di Ficodindia.

Sono previste tra l’altro forme di collaborazione al servizio degli altri Resort del gruppo Mangia e sui progetti futuri lo chef Giuffrè ci anticipa: “ Al momento Favignana è il mio laboratorio, ho fatto delle timide sortite a Pollina ed a Sciacca, dove ho subito trovato aria di casa. Tutto verrà fatto a piccoli passi e secondo i desideri della proprietà, l’unica cosa che mi sento di dire è che, varcata la soglia di qualsiasi struttura, mi sento il benvenuto ed è già veramente tanto”.

Infine, al presidente del gruppo Aeroviaggi Marcello Mangia e determinato artefice della rifunzionalizzazione del Resort di Favignana abbiamo chiesto se la ritiene una sfida vinta e quali sfide attendono il gruppo per i prossimi anni.

“E’ stata una sfida vinta nonostante le mille difficoltà dovute alla particolare posizione della struttura ubicata sicuramente su una meravigliosa isola ma con le restrizioni dovute ai trasporti navali alcune volte limitati per le condizioni meteo, vi assicuro che è stata una vera impresa assicurare la riapertura in brevissimo tempo soprattutto in tempi di pandemia. Ci siamo riusciti rispettando i tempi dell’inaugurazione e per il raggiungimento di quest’obiettivo devo dire grazie ai nostri collaboratori per i sacrifici enormi fatti. La sfida continua per portare ad altissimi livelli il Favignana Resort dove continueremo ad investire per migliorare ancora le camere, gli spazi comuni e il verde per renderla una struttura unica e di assoluta eccellenza nel Mediterraneo. Focus della struttura è la ristorazione dove investiremo tanto sia in personale qualificato che in attrezzature.”

Condividi

spot_imgspot_img

Articoli correlati

Naturalis Bio Resort, una masseria luxury in Salento per un weekend di puro benessere

Un antico borgo contadino nel Salento a mezz’ora da...

Un viaggio nel passato e nel presente artistico di Firenze: la straordinaria storia del complesso de Le Murate

Immerso nella storia antica di Firenze, il complesso de...

Irlanda: 10 eventi da non perdere lungo la costa ovest da maggio a novembre

La Wild Atlantic Way festeggia la sua prima decade...

Location suggestive e attività di gruppo: il Ticino è la meta perfetta per gli eventi aziendali

Nell'era della digitalizzazione e in particolare a seguito di...